Göttingen

Appena scendi dal treno respiri e riassopori lo stesso profumo. Si, proprio cosí, Göttingen ha la sua fragranza, inconfondibile, unica. É rimasta quella che avevo lasciato, una spensierata e tranquilla cittadina universitaria della Bassa Sassonia. Le bici ammucchiate alla stazione, i bus che attendono la partenza, il suono degli Intercity che sfrecciano verso nord e sud della grande repubblica tedesca. Tutto pulito, e la solita perfezione quasi maniacale per tutto e tutti. Solo la Piazza e le vie del centro storico completamente ristrutturate, e Lei, la fontanella sempre al suo posto. Qualche nuovo negozio, sempre il solito ragazzo turco a riprepararmi ancora il miglior Kebab che abbia mai mangiato. Il mio Istituto invece, sembra una bomboniera, ristrutturato dentro e fuori. Le scimmiette che scorrazzano nelle loro nuove gabbie supertecnologiche. Un nuovo edificio di 5 piani appena non lontano, nuovo di zecca, strapieno di laboratori e nuovi giovani scienziati in cerca di gloria. Insomma, la mia Göttingen, un pezzo della mia vita, indelebile, nel bene e nel male.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...